Livio02

LIVIO SCARPELLA

[…] La coppia di busti “Anima Beata / Anima Dannata” (2012, in forno…), o anche le sculture della serie di “Ghost Underground” (prima e seconda versione, 2011) prendono spunto più apertamente dalle sculture della Cappella Sansevero a Napoli. Opere realizzate nella sensibilità del Corradini (che però morì compiendo solo il bozzetto del celebre “Cristo velato” poi realizzato in marmo dal Sanmartino), in cui Scarpella sottolinea o nega l’aspetto religioso.
Lo scultore riprende la classica coppia delle anime divisa dalle opposte sorti, accostando il colore chiaro o scuro della figura, rispettivamente a un’ametista o a un quarzo. In realtà, il fantasma che si nasconde in queste opere è la Scultura stessa, l’Idea ancora da svelare, a cui l’artista accosta i minerali: cuori duri, presagio della stessa essenza preziosa dell’opera. In “Lady Ghost” (2011) l’ispirazione barocca diventa più composta, classica. La figura ha una camicia da notte, ed alla fine è uscita dalla sagrestia. […]

Andrea Iezzi , dal catalogo “Out of the Heart and Shungay” 2012.

[…]  the couple of busts “Anima Beata / Anima Dannata”  (blessed soul / damned soul)  or even the sculptures from the series “Ghost Underground” are openly inspired by the sculptures in the Sansevero Chapel in Naples. Works created in the sensibility of the Corradini (by his dead he only completed the sketches for the well-known “Cristo Velato” (Veiled Christ) , then realized in marble by Sanmartino), Scarpella highlights or deny the religious aspect.

The sculptor regains the classic souls couple  separated by the opposite destinies, matching the light and dark colour of the figure, respectively with an amethyst or a quartz.  In the reality the ghost hidden in this artworks is the sculpture itself, the idea yet to be unveiled, to witch the artist combine the mineral rocks: hard hearts, premonition of the same precious essence of the work itself.

In  “Lady Ghost” (2011) the baroque inspiration becomes more calm, classical. The figure has a nightgown, and at the end came out of the sacristy.

Andrea Iezzi , from the catalogue “Out of the Heart and Shungay” 2012.