officina-da-camera-manifesto

OFFICINA DA CAMERA – MANIFESTO

Officina da camera è uno spazio, è un’idea, è musica, arte, oggetti, persone.

Officina perché si produce, perché si realizza perché il processo creativo connota inequivocabilmente l’oggetto, quale che sia.

Da Camera perché come quando la musica esce dalle grandi sale da concerto, trova un clima familiare, amicale, conviviale, all’interno della propria casa, tra le mura, tra amici, così questo spazio vorrà essere spazio di incontri, ascolti, scambi, pensieri, sogni e persone.

CHAMBER WORKSHOP – MANIFESTO

Chamber workshop is a space, an idea, music, art, objects and people.

Workshop because it’s a place for production, realization and because the creative process characterizes the object, any object.

Chamber because like when the music leaves the grand concert halls, finds a familiar, friendly, convivial mood, as in your own living room with your friends, here, this space is aiming to be the room for thinking, meeting, exchanging, listening and for the people.

 

FILIPPO FASSER

Liutaio professionista dal 1992.

Costruisce violini, viole e violoncelli in numero limitato destinati per lo più a professionisti.

Nel 2000 fonda insieme a Ugo Orlandi e Marco Bizzarini e ad altri amici, musicisti, musicologi e colleghi liutai, l’OFFICINA MUSICALE, una associazione che intende promuovere nello stesso tempo: liuteria, eventi musicali, artistici e culturali.

Nell’ ottobre del 2002 ha curato l’organizzazione della mostra “Stefano Scarampella. Musica e Liuteria a Brescia nell’800”.

Nel 2003 insieme Eric Blot, Duane Rosengard e Tiziano Rizzi, cura l’inventario – schedatura degli strumenti musicali appartenenti alle civiche collezioni del comune di Brescia e conservati presso il museo di Santa Giulia.

Nell’autunno del  2005 cura l’organizzazione della mostra “Storia di una viola“.

Nel 2007 cura la mostra “Gio Paolo Maggini – secoli di dettagli”. Ed in seguito la pubblicazione del libro “1520-1720 – Liutai in Brescia”

Nel 2012, insieme all’architetto Antonio Gardoni, dà vita a Officina da Camera.

www.filippofasser.com/

FILIPPO FASSER

Professional violin maker from 1992.

Filippo Fasser makes violins, violas and cellos in limited number that he mostly sells to remarkable musicians and international dealers.

In 2000, with Ugo Orlandi and Marco Bizzarrini he founded the Officina Musicale, an association that organizes musical, artistic and cultural events with the aim of art and science of violin making promotion.

In October 2002, he set up the exhibition Stefano Scarampella – Music and violin making Art in Brescia in the 19th Century.

In 2003, with Eric Blot, Duane Rosengard and Tiziano Rizzi, he took care of the list of instruments the property of “Civiche Collezioni of Comune di Brescia” stored in Santa Giulia Museum.

In Fall 2005 he took care of the exhibition setting up “Storia di una viola” (A viola’s history) with his colleague F. Lowemberger, on behalf of Provincia di Brescia.

In 2007 he conceived and and coordinated the exhibition “Gio Paolo Maggini – secoli di dettagli”, on behalf of Provincia di Brescia.

In 2012 with the architect Antonio Gardoni opens Officina da camera.

www.filippofasser.com/

 

ANTONIO GARDONI

Architetto e designer con esperienze internazionali, è un innovatore del linguaggio del design per progetti commerciali ed esperienziali.

Già collaboratore di Ron Arad, è cofondatore di Jump studios a Londra e professore di design e interni.

Autore nel 2002 del libro “Food by design” che esplora le relazioni fra cibo e design attraverso ricette eseguite ed illustrate da importanti progettisti.

Ideatore della serie in edizione limitata di oggetti e mobili per la crisi “Unhappy Family” (2004) indaga in modo ironico ed irriverente la crisi del sistema sociale e famigliare attraverso la collaborazione con eccelenze artigianali italiane.

Nel 2005 apre la sede dello studio “Antonio Gardoni” a Pechino per sviluppare e realizzare numerosi spazi commerciali e d’intrattenimento oltre alla costruzione di relazioni solide con produttori artigianali ed industriali cinesi.

Lo studio “Antonio Gardoni” insieme a Federico Castelli e Sergio Biscaccianti si occupa di spazi commerciali e privati inoltre studia e pianifica strategie di comunicazione e relativi strumenti di posizionamento per i propri clienti.

Nel 2012, insieme al liutaio Filippo Fasser, dà vita a OfficinaDaCamera.

www.antoniogardoni.com/

Antonio Gardoni

Architect and designer with international background of experiences, innovator in the design language for commercial and experiential projects. Collaboration with Ron Arad, cofounder of Jump studios and professor of industrial and interior design.

Author in 2002 of the book “Food by design” that explores the relationship between food and design trough a selection of recipes created and illustrated by relevant designers.

Creator of the collection of furniture and accessories against the crisis “Unhappy Family” (2004), Antonio investigates in an ironic and irreverent way the crisis of society and family trough the production of object with Italian artisan excellences.

In the 2005 opens the studio “Antonio Gardoni” in Beijing to develop and create a copious number of commercial and entertaining spaces in addition to solid new relationships with local manufacturers and local investors.

The studio “Antonio gardoni” together with Federico Castelli and Sergio Biscaccianti is specialized in commercial and private spaces, interior and industrial design and develops strategic communication plans supported by their specific tools.

In 2012 with the violin maker Filippo faser opens Officina da camera.

www.antoniogardoni.com/