TRIO-HEGEL-03

TRIO HEGEL – LUNEDÌ 09 MAGGIO ORE 19.00 IN CONCERTO

David Scaroni – violino
Davide Bravo – viola
Andrea Marcolini – violoncello

PROGRAMMA

G. Cambini (1746-1825)
Trio op.2 n.2 in Si bemolle Maggiore
– Allegro
– Allegretto cantabile e con grazia

L. Cherubini (1760-1840)
Trio II in Do Maggiore
– Allegro moderato, Lent
– Moderato
– Fugue. Presto

L. Van Beethoven (1770-1827)
Trio op.9 n.3 in do minore
– Allegro con spirito
– Adagio con espressione
– Scherzo. Allegro molto e vivace
– Finale. Presto

«Io sono il combattimento, poiché il combattimento è precisamente un conflitto che non consiste nell’indifferenza, di due antagonisti in quanto differenti, ma nel fatto che sono legati insieme. Io non sono uno dei due che sono impegnati nel combattimento, ma sono i due combattenti e il combattimento stesso. Io sono l’acqua ed il fuoco che entrano in contatto, io sono il contatto e l’unità di ciò che si respinge»

G. W. F. Hegel

Cos’è un Trio se non questo: un continuo processo di armonizzazione di elementi primigeni. Lontano dalla logica fraterna e solidale del Quartetto, il Trio d’Archi è veramente scontro di acqua, terra e fuoco della musica da camera.
La visione dialettica è quindi un passaggio, una salto qualitativo, un mutamento, un progresso continuo e infinito che il Trio applica allo studio e al piacere di una ricerca musicale sempre nuova.
Il Trio Hegel è gruppo cameristico che in breve tempo ha ottenuto riconoscimenti in numerosi concorsi come il 1° Premio Assoluto al 20° Concorso Nazionale di Musica da Camera “G. Rospigliosi” di Lamporecchio (PT), il 1° Premio al 26° European Music Competition “Città di Moncalieri”, il 2° Premio al 13° Concorso Nazionale “Riviera Etrusca” di Piombino (LI), il 2° Premio -1° Premio non assegnato- al 10° Concorso Internazionale “L. Zanuccoli” di Sogliano al Rubicone (FC) e il 3° Premio -1° e 2° Premio non assegnati- al 12° Concorso Nazionale di Esecuzione Musicale “Città di Magliano Sabina” (RI).
Il Trio si è esibito in importanti occasioni e in luoghi suggestivi come a Venezia a Palazzo Albrizzi, a Cremona nel Cortile Federico II, a Brescia all’Auditorium San Barnaba per l’Associazione GIA (Giovani Interpreti Associati), a Padova per l’Accademia Galileiana di Scienze, Lettere ed Arti e a Milano presso l’Auditorium Gaber del Grattacielo Pirelli per la Società dei Concerti.
La collaborazione col compositore Mauro Montalbetti li ha portati all’esecuzione in prima assoluta del brano, edito da Rai-Trade, “Sei Bagatelle per Trio d’archi” e della composizione “E voi empi sospiri – Madrigale per Trio d’archi”, a loro dedicata, riscuotendo vivi apprezzamenti di pubblico e critica.
La crescita artistica del Trio Hegel è legata ai nomi del Quartetto di Cremona e di Antonello Farulli; inoltre fondamentali sono stati gli incontri con Luca Simoncini (Nuovo Quartetto Italiano), Jürgen Kussmaul (L’Archibudelli), Andrea Repetto (Quartetto di Torino), Christophe Giovaninetti (Quartetto Ysaÿe) e il Direttore d’orchestra Umberto Benedetti Michelangeli.
Il Trio Hegel ha inciso per l’etichetta Tactus un CD, in prima registrazione mondiale, contenente musiche dei compositori toscani Luigi Cherubini e Giuseppe Cambini, e ha da poco ultimato la registrazione di un disco monografico del compositore Mauro Montalbetti.

“Trio Hegel già oltre la promessa, giovane ma di grande qualità.” Il Giornale di Vicenza